1919, Posta in bicicletta

La bicicletta ebbe un ruolo, non secondario, durante il conflitto armato.
 E alla fine della guerra fu fondamentale anche nell'economia della ricostruzione.
A causa della mancanza di carburante nacque, ad esempio, il servizio postale in bicicletta.
 Scriveva Alfredo Oriani, nel 1918: "Il piacere della bicicletta Ŕ quello stesso della libertÓ,
 forse meglio di una liberazione andarsene ovunque, ad ogni momento, arrestandosi alla prima
 velleitÓ di un capriccio, senza preoccupazioni come per un cavallo, senza servit¨ come in treno.
(...)" La bicicletta era stata inventata nel 1880, ma giÓ nel 1902 era stato organizzato il primo
 Tour de France seguito 6 anni pi¨ tardi dal primo Giro d'Italia. Il servizio postale si adegu˛
alla precaria situazione finanziaria del Paese: l'Amministrazione aveva giÓ aumentato, dall'inizio
del conflitto, l'affrancatura della corrispondenza normale che pass˛, nel giro di due anni,
da 15 a 20 centesimi e da 20 a 60 centesimi

(immagine 1: bicicletta adibita al servizio postale, conservata nel Museo Storico P.T..
Immagine 2: Breno, Valcamonica, diligenza della posta, 1904.
Immagine 3: Breno, treno nel 1909.
 Immagine 4: Edolo, la bicicletta. Le immagini provengono da sito che conserva
Album dei ricordi di paesaggi agli inizi del 1900
).

                    Diligenza  1904

    Ferrovia

  Pag 48                                                           Pag 49                                                                    Pag 50  

                                                                                                                                                                                                                                                                                                           Home page