1695 d.C., La concorrenza dei corrieri privati

 B Fischer

La famiglia di origine bergamasca, Thurn und Taxis, partita da Vienna e dalla corte di Massimiliano I,
nel 1504, aveva intanto raggiunto una posizione dominante nello scacchiere delle poste europee. Contro tale strapotere,
si combatterono battaglie commerciali sempre più accese. Uno degli avversari più accaniti fu lo svizzero Beat Fischer
che si aggiudicò un contratto di appalto postale nel 1675 dal Consiglio cantonale di Berna. Vent'anni più tardi,
Fisher stipulò un primo accordo con la Direzione delle Poste di Torino, per organizzare le merci e tutto il traffico postale
 tra la Savoia, la Svizzera, la Germania, i Paesi Bassi e l'Inghilterra, attraverso il passo del Gran San Bernardo.
Le truppe di Fischer non ebbero però successo nella campagna di espansione verso l'Austria e il Wurtenberg.
 Nel 1691, un altro privato, Thomas Neale, organizzò un servizio di smistamento della corrispondenza
tra stati europei e le Colonie del Nord America. La sua decisione di mantenere un prezzo popolare, nonostante
 l'elevato numero di pacchi e missive che gli venivano affidate, portò la sua attività alla bancarotta.

 

XVIII secolo: tra nazionalismo e libertà 

Il XVIII secolo è caratterizzato dalla nascita del nazionalismo moderno che ha il suo punto culminante
nella Rivoluzione Francese e nella proclamazione d'Indipendenza delle Colonie Americane. Il servizio postale
subisce in questo periodo profonde trasformazioni, organizzative e tecnologiche. L'esasperazione militare e le
 frequenti guerre europee, ad esempio, portarono allo sviluppo di nuovi strumenti, come il telegrafo ottico, utilizzato
 alla fine del 1700 da Napoleone Bonaparte nella spedizione in Egitto. Si trattò di un difficile processo di trasformazione
che seguì l'evoluzione storica delle singole realtà locali. Nella trasformazione delle poste europee di questo periodo
emersero alcune costanti: l'istituzione di servizi con reti di stazioni postali sull'esempio delle mansiones romane; l'abolizione
 dei servizi privati, anche quelli universitari di origine tardo medioevale e la formazione di nuovi professionisti,
i maestri di posta, con un ruolo sociale importante nella creazione e sviluppo di sedi postali rurali

(nell'immagine, una buca d'impostazione in travertino e legno proveniente da Amelia (Perugia),
 Stato Pontificio 1706 © Museo Storico P.T.
).

  Pag 19                                                           Pag 20                                                                    Pag 21  

                                                                                                                                                                                                                                                                            Home page