476-600 d.C., I Sovrani barbar

  messager a cheval 

La fine dell'Impero Romano d'Occidente nel 476 d.C. e le invasioni barbariche
contribuirono notevolmente allo smembramento del sistema postale statale in numerose
piccole imprese locali gestite da privati. Odoacre, capo degli Eruli, cambiò il nome del
 servizio postale in cursus ministerium e ne affidò la sorveglianza a nuovi ispettori (sagiones),
 stabilendo che costoro si avvalessero di cavalli requisiti a privati. Nel 498 d.C. il re Teodorico
emanò numerosi decreti in materia postale e ordinò severi provvedimenti per porre fine
all'utilizzo abusivo da parte dei privati. Clodoveo, re dei Franchi (481 d.C.), resosi conto
di quanta importanza avessero le comunicazioni, per costruire un saldo organismo politico,
organizzò un efficiente servizio di comunicazioni nelle Gallie. Il suo servizio dei corrieri a
cavallo era regolato da norme in parte identiche a quelle in vigore nell'antico Impero romano.

 

 600-770, L'Impero d'Oriente o Islamico                                                Weber Peunting Const 

Nell'Impero d'Oriente la struttura centrale delle Poste, al servizio esclusivo di militari, politici,
religiosi e amministratori, ebbe come centro prima Damasco e poi, dopo la conquista da parte degli arabi, Bagdad.
 L'impero dei Califfi riprese l'organizzazione romana e organizzò una efficiente rete di trasporti e di comunicazioni:
le maggiori città dell'impero islamico vennero collegate da ottime strade e le antiche stazioni di posta romane
vennero quasi tutte riaperte. Da Bagdad partivano sei grandi arterie lungo le quali erano collocate 930 stazioni di posta.
 Un'alta torre, in cima alla quale una vedetta scrutava l'orizzonte per segnalare l'arrivo dei corrieri, caratterizzava
 le stazioni, che rimasero efficienti per secoli. A differenza del cursus romano, i corrieri arabi effettuavano anche il
 trasporto della corrispondenza privata, percependo una regalia che si aggiungeva allo stipendio. In Egitto,
anch'esso conquistato dall'impero mussulmano nel 679 d.C., venne organizzato il primo sistema postale moderno
 chiamato al-Baryd con sede nella cittadella de Il Cairo

(nell'immagine Costantinopoli, Tabula Peutingeriana, sezione IX)


  Pag 05                                                           Pag 06                                                                    Pag 07  

                                                                                                                                                                                                                                                                                        Home page