1/Dai Sumeri a Gutenberg

  Dai segnali coreani del 6.000 a.C., all'efficiente servizio romano; dai monaci postini del Medioevo,
ai primi servizi finanziari del   Rinascimento: le poste sono sempre al centro della storia 

                       800 - 500 a. C., La lettera greca

papiro greco lettera

  I greci adottarono la tecnica egiziana delle lettere scritte su papiro e inventarono l'uso del calamo,
una cannuccia con l'estremità appuntita che serviva a mantenere una piccola quantità di inchiostro
 e a procedere più velocemente nella scrittura e copia dei testi. Per risparmiare spazio nelle missive, inoltre,
 le parole venivano scritte in linee continue. Tra tutte le città greche, Atene fu quella che introdusse le più
importanti e fondamentali novità, tra le quali l'alfabeto greco a 24 lettere, perfezionamento di quello fenicio,
che divenne ben presto modello di scrittura. Da questo alfabeto sono derivati,
oltre quello latino, tutti gli alfabeti moderni. 

                               

 

 

                                                                                       500 a.C., Ciro il Grande

 

corriere persiano                      Nel 530 a.C. Ciro il Grande, imperatore di Persia,
                                        creò una rete postale lunga 2500 chilometri, con oltre 100 stazioni di posta,
                                           presidiate da soldati e dotate di cavalli, corrieri ed alloggi.
                                         Tutte le persone che abitavano vicino alle stazioni avevano l'obbligo
                                              di prestare servitù gratuite e obbligatorie, dette angarie,
                                         per il buon funzionamento del servizio e Angareion era il nome dell'alto
                                          funzionario responsabile. Questa organizzazione (e il termine di angarie)
                                            restò attiva fino al crollo dell'impero romano, avvenuto nel 476 d.C..
                                              Le angarie, con il trascorrere del tempo, divennero un diffuso pretesto per compiere
                                           soprusi da parte dei funzionari pubblici ai danni dei cittadini.
                                         Per questa ragione il termine angherie assunse il significato che oggi gli attribuiamo
                                   (corriere persiano si annuncia con il suono di una conchiglia, antesignano del corno postale).

                                                                                   Pag 01                                                                                          Pag 02  

                                                                                                                                                                                                                                                                                                             Home page